Coagulometro portatile CoaguCheck, controllare agevolmente il Tempo di Protrombina



coagulometro portatile roche coaguchekLa necessità di poter eseguire analisi cliniche di laboratorio senza necessariamente ricorrere al Labroatorio Centrale ha determinato negli ultimi anni un’attenzione sempre crescente ai cosidetti Point Of Care (POCT) ossia sistemi diagnostici per analisi cliniche decentralizzati rispetto ai laboratori ordinari che possono essere posizionati all’interno dell’ospedale in zone diverse come, ad esempio, nei reparti di emergenza o nelle terapie intensive.
Fra gli strumenti che rientrano in questa categoria c’è n’è sicuramente uno il cui utilizzo è fondamentale per pazienti interessati da terapia anticoagulante. Parliamo di CoaguCheck XS PRO di Roche. Si tratta di un sistema dedicato alla valutazione del Tempo di Protrombina (PT) direttamente in prossimità del paziente senza necessariamente passare per il laboratorio analisi centrale e senza richiedere spostamenti onerosi per il paziente stesso.
Il principo dello strumento è la misurazione elettrochimica del Tempo di Protrombina (PT) dopo attivazione della coagulazione sangugina con tromboplastina ricombinante umana (o fattore tissutale liberato dalle cellule traumatizzate come nel caso di ferite).
Il PT viene espresso in secondi ma la variabilità del dato analitico utilizzando questo sistema di misura è troppo elevata e dipendente dal fattore tissutale utilizzato il quale cambia da produttore a produttore.
Per questo motivo nel 1987 sono stati introdotti l’ISI e l’INR.
L’ISI indica un particolare lotto di fattore tissutale confrontato con un fattore tissutale internazionale di riferimento. L’INR (International Normalized Ratio) invece è l’unità di misura standardizzata utilizzata per esprimere il Tempo di Protombina in relazione all’ISI del fattore tissutale utilizzato per l’esame analitico. Esso si esprime come il rapporto tra il PT del paziente e il PT di riferimento elevato alla potenza del valore ISI stabilito.
L’ISI è di solito compreso tra 0,8 e 1,2 quello utilizzato dal CoaguCheck XS PRO di Roche è di 1,00.
Tornando al sistema CoaguCheck esso ha dimensioni contenute e può essere gestito con efficiente manualità. Permette di analizzare un campione di sangue molto limitato (8 ul) tramite sangue capillare dal polpastrello ma anche da sangue venoso.
Il sangue capillare prelevato dal polpastrello viene posto su una striscia reattiva collegata all’apparecchio con un chip interno contenente un codice id univoco. In circa 1 minuto lo strumento restituirà il risultato clinico espresso in secondi e/o in rapporto INR. L’interfaccia grafica di funzionamento è intuitiva e permette di inserire un codice ID per ogni paziente prima di effettuare il test oppure ritrovare in memoria pazienti già inseriti da controllare. (Positive Patient Identification ndr.)
Il sistema possiede inoltre un lettore di codici a barre interno che può leggere codici a barre per facilitare e rendere più sicuro l’inserimento dei dati del paziente .
Il risultato ottenuto potrà essere così inviato via USB ad un computer collegato comprensivo di: data, risultato, id paziente, id operatore, lotto stricia, controllo qualità.

Attenzione: Le informazioni fornite su Laboratorio-Italia.it sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico. 
aziende laboratorio italiane diagnostica biologia molecolare Esami ed analisi diagnostiche : elenco completo protocolli da laboratorio e metodiche acquista-online