Laboratorio in valigia, uno screening portatile per cancro alla prostata

Laboratorio in valigia, uno screening portatile per cancro alla prostata

20/11/2015 Off By LabIta

laboratorio valigia prostataPer aiutare a aumentare i tassi di diagnosi precoce del cancro in tutto il mondo, gli scienziati hanno sviluppato un mini-laboratorio portatile contenuto in una valigetta per lo screening sul campo del cancro, per rilevamento rapido e il monitoraggio. Il prototipo testato con successo è progettato per il cancro alla prostata, e può operare a anche alle alte temperature che spesso si trovano in zone remote senza cliniche con aria condizionata.

 Il “laboratorio-in-valigia”, primo nel suo genere, è stato sviluppato da un team della Loughborough University (UK) e dalla Capillary Film Technology Ltd. , guidati dla Dr. Nuno Reis, docente di ingegneria chimica.

Una delle caratteristiche notevoli del sistema è l’uso di sangue intero, senza necessità di preparazione del campione, che è stato un compito impegnativo per una macchina al di fuori di un laboratorio centrale. Questo fornisce anche maggiore sicurezza minimizzando la manipolazione dei campioni di sangue di pazienti che possono avere malattie infettive.

Il Dr. Nuno Reis

Il Dr. Nuno Reis

Il sistema compatto, una piattaforma ELISA completa miniaturizzatoa, è composto da 4 componenti principali: un aspiratore azionato manualmente multi-siringa in grado di eseguire fino a 80 test simultanei da campioni di sangue intero; piastre ELISA pre-caricate con i reagenti; uno scanner per pellicole portatile alimentato tramite USB e un computer portatile per l’analisi dei dati in tempo reale.

Il sistema è di facile uso, è semi automatico e richiede soltanto un operatore con una formazione minima per effettuare il test in circa 15 minuti – senza bisogno di attrezzature o strumenti aggiuntivi.

Una nuova pellicola monouso microfluidica composta da piccoli tubi capillari ( con la larghezza di un capello umano) viene usata specificamente per la misura rapida di diversi marcatori tumorali in un campione di sangue intero. Questa tecnologia, che funziona in maniera simile ad un test di gravidanza, è già stato utilizzato con successo in un altro studio, condotto sempre dal Dott Rei,s che ha rilevato il cancro della prostata con l’aiuto della telecamera di uno smartphone. Il nuovo laboratorio-in-valigia , nonostante sia sviluppato sulla rilevazione del cancro della prostata, è abbastanza versatile per misurare diversi biomarcatori tumorali contemporaneamente da un singolo campione.

“Il nostro laboratorio-in-valigia è sia economico che di semplice utilizzo; ciò significa che i kit diagnostici di alta precisione dei laboratori clinici, possono essere resi accessibili alle popolazioni remote”, ha detto il Dr. Reis, “Questo laboratorio portatile può davvero fare la differenza, aumentando i livelli di rilevamento del cancro nei paesi in via di sviluppo in cui tipicamente la gente non ha un così facile accesso alla diagnostica precoce. ”  

Il paper completo in pdf puo essere scaricato qui : laboratorio-in-valigia-paper