Malattie infettive, nuovo protocollo senza enzimi velocizza la diagnosi



diagnosi-proteine-bersaglioUn metodo per velocizzare e semplificare la rilevazione delle proteine ​​nel sangue e nel plasma è stato scoperto, aprendo la possibilità di diagnosticare la presenza precoce di malattie infettive o di cancro durante la visita in uno studio medico, portando il tempo di diagnosi da 2-3 ore a 10 minuti.

Il nuovo approccio ha superato diverse sfide chiave per individuare quelle proteine ​​che sono biomarcatori della malattia. Nello specifico, queste proteine ​​sono spesso in bassa concentrazione nei fluidi corporei e l’individuazione richiede processi di amplificazione.

Gli scienziati della University of California, Los Angeles hanno messo a punto un metodo per amplificare proteine ​​senza enzimi, eliminando così la necessità di un sistema complesso per lavare via gli enzimi in eccesso. Questo approccio ha fatto uso di una reazione a catena a livello molecolare che viene attivata solo in presenza di una proteina bersaglio.

In questo sistema, una proteina è riconosciuta da elementi di  acidi nucleici legati per formare un complesso catalitico che guida una reazione di ibridazione / spostamento su un substrato multicomponente acido nucleico, rilasciando bersagli multipli a singolo filamento in modo amplificato. La squadra ha dimostrato l’approccio con due proteine ​​bersaglio, streptavidina, ampiamente usata come proteina di prova per i nuovi saggi diagnostici, e la nucleoproteina influenzale, che è una proteina associata con il virus dell’influenza.

A lungo termine il team mira a coniugare la tecnica con i lettori portatili che potrebbero essere particolarmente utili in cliniche in zone povere di risorse. Gli scienziati hanno dimostrato il funzionamento su un lettore di micropiastre palmare adatto per ​​test diagnostici basati su sistemi ottici e sull’uso di un cellulare all’inizio di quest’anno.

Omai B. Garner

Omai B. Garner

Omai B. Garner, PhD, Professore Assistente di Clinica e direttore associato di Microbiologia Clinica e co-autore dello studio, ha detto, “Anche se inizialmente abbiamo dimostrato di poter rilevare una proteina associata con l’influenza, prevediamo che l’approccio possa essere generalizzato a una serie di proteine e biomarcatori associati alle malattie infettive e al cancro “. Ha osservato che potrebbe essere configurato per rilevare malattie come Zika o Ebola. Lo studio è stato pubblicato il 27 luglio 2016, sulla rivista ACS Nano.

aziende laboratorio italiane diagnostica biologia molecolare Esami ed analisi diagnostiche : elenco completo protocolli da laboratorio e metodiche acquista-online