Nanoneedles, generazione di nuovi vasi sanguigni e trasporto di acidi nucleici



nanoneedles, struttura per acidi nucleici vasi sanguigni nei topiGli scienziati dell’Imperial College di Londra (ICL) e Houston Methodist Research Institute (HMRI), guidati da un ricercatore Italiano, hanno sviluppato un prototipo di nanoneedles che ha dimostrato di poter generare nuovi vasi sanguigni nei topi.

I nanoneedles, ( o nano-aghi?) che operano fornendo acidi nucleici di cellule specifiche all’interno del corpo, potrebbero essere utilizzati per aiutare organi e nervi a riparare se stessi e aiutare gli organi trapiantati a prosperare negli esseri umani danneggiati, hanno detto i ricercatori.

Molly Stevens, co-autore di Ennio Tasciotti , corrispondente dal Dipartimento di Materiali e Bioingegneria presso ICL, ha detto: “E ‘ancora molto albori della nostra ricerca, ma siamo lieti che i nanoneedles hanno avuto successo in questo processo nei topi. Ci sono una serie di ostacoli da superare e non abbiamo ancora sperimentato i nanoneedles negli esseri umani, ma pensiamo di avere un enorme potenziale per aiutare il corpo a riparare se stesso.”
Realizzati in silicone biodegradabile non tossico, i nanoneedles possono penetrare la cellula, bypassando la sua membrana esterna, trasportando acidi nucleici senza danneggiare o uccidere la cellula.

Ennio Tasciotti, co-autore della ricerca sui nanoneedles

Ennio Tasciotti, co-autore della ricerca sui nanoneedles

“Si tratta di un salto di qualità rispetto alle tecnologie esistenti per la fornitura di materiale genetico di cellule e tessuti”, ha detto Ennio Tasciotti, co-presidente del Dipartimento di nanomedicina a HMRI e co-autore corrispondente della ricerca.
“Con l’accesso diretto al citoplasma della cellula che abbiamo realizzato riprogrammazione genetica ad un incredibile alta efficienza”, ha detto Tasciotti.

“Questo ci permetterà di personalizzare i trattamenti per ogni paziente, dandoci infinite possibilità di rilevamento, diagnosi e terapia. E tutto questo grazie a piccole strutture che sono fino a 1.000 volte più piccole di un capello umano. “

Il gruppo di ricerca sta cercando di sviluppare un materiale simile ad un bendaggio flessibile che può incorporare nanoneedles.
L’idea è di renderlo applicabile  a diverse parti del corpo, internamente o esternamente, per fornire acidi nucleici necessari per riparare e ripristinare la programmazione delle cellule.

aziende laboratorio italiane diagnostica biologia molecolare Esami ed analisi diagnostiche : elenco completo protocolli da laboratorio e metodiche acquista-online