Oxford University: Maggiore promiscuità è garanzia di una prole sana



promiscuità migliora salute della prole

Rituale di accoppiamento in Gallus gallus

La promiscuità potrebbe portare le femmine che si accoppiano con diversi maschi a generare una prole più resistente alle malattie. Lo sostiene uno studio, portato avanti dai ricercatori dell’Università di Oxford e dell’ Università di Stoccolma che hanno studiato il Gallo Rosso (Gallus gallus) – un antenato del pollo domestico – trovando una forte correlazione tra il numero di accoppiamenti durante i giorni fertili ed una prole geneticamente sana.

David s richardson ricercatore genetico

Il Prof. David S Richardson, autore della ricerca

“La nostra ricerca ha dimostrato che le donne non hanno bisogno di scegliere tra i maschi per produrre la prole più sana . Piuttosto accoppiandosi con più maschi , favoriscono un meccanismo di scelta interna che favorisce gli spermatozoi più sani e forti ” , ha detto il professor David S Richardson degli Emirati Arabi Uniti .

Il meccanismo di selezione rimane poco chiaro, ma una dinamica nel  tratto riproduttivo favorisce lo sperma dai maschi più geneticamente diversificato. I geni coinvolti sono gli MHC,un complesso genetico che svolge un ruolo chiave nel rilevare e combattere le infezioni, motivo per il quale la loro diversità garantisce statisticamente una prole più resistente alle infezioni in genere.

La ricerca – pubblicata in “Proceedings of theRoyal Society B” – ha indagato sia l’accoppiamento sperimentalmente controllato che l’inseminazione artificiale , trovando che l’effetto era rilevante esclusivamente nei casi di accoppiamento naturale, in cui l’odore di più maschi pare “attivare” il meccanismo di selezione.

L’articolo completo a questo link

aziende laboratorio italiane diagnostica biologia molecolare Esami ed analisi diagnostiche : elenco completo protocolli da laboratorio e metodiche acquista-online