Parkinson, scoperto nuovo biomarcatore da ghiandole sottomandibolari



morbo di parkinsonUna diagnosi accurata del morbo di Parkinson, e la relativa malattia “demenza con corpi di Lewy,” può essere difficile nelle prime fasi di entrambe le condizioni. Mentre le biopsie cerebrali possono essere più precise, il rischio di complicazioni è di solito considerato troppo alto.

Una biopsia della ghiandola sottomandibolare può aiutare a identificare la stessa patologia che si vede nel cervello, fornendo talvolta maggiore accuratezza della biopsia cerebrale, ma senza l’elevato rischio di complicazioni. È stato infatti riportato più volte in studi clinici,  che vi è una elevata incidenza di sinucleinopatie alla ghiandola sottomandibolari nel morbo di Parkinson (PD), e che questa patologia potrebbe da oggi essere considerata come un biomarcatore.

Gli scienziati del Banner Sun Health Research Institute (USA) ed i loro colleghi hanno studiato 228 campioni istologici sottoposti ad autopsia compresi quelli con disturbi del corpo di Lewy, inclusi 46 con la malattia di Parkinson, 28 con demenza con corpi di Lewy (DLB), 33 con malattia di Alzheimer con corpi di Lewy, e due con paralisi sopranucleare progressiva con corpi di Lewy (PSPLB). I soggetti di controllo, definiti come individui senza alcun disturbo al sistema nervoso centrale a corpi di Lewy, inclusi 79 soggetti normali anziani, 15 con malattia di Alzheimer, 12 con paralisi sopranucleare progressiva, due con degenerazione cortico-basale e due con atrofia sistemica multipla (MSA) .

Alcune sezioni della ghiandola sottomandibolare sono state colorate con un metodo di immunoistochimica per la α-sinucleina fosforilata in serina 129. I ricercatori hanno riscontrato patologia della ghiandola sottomandibolare in 42 di 47 soggetti (89%) delle autopsie di individui con malattia di Parkinson e 20su 28 ( 71%) di quelli con demenza con corpi di Lewy, ma in nessuno dei 110 soggetti di controllo. Gli autori hanno concluso che i loro risultati forniscono il supporto per ulteriori studi clinici di biopsia diagnostica in vivo per PD e DLB.

Thomas G. Beach, MD, PhD, responsabile dello studio clinico, ha dichiarato: “Una bassa accuratezza diagnostica, durante la vita, per la demenza con corpi di Lewy, ha reso difficile condurre studi clinici efficaci di nuovi farmaci. Con una migliore accuratezza diagnostica, gli studi clinici avrebbero una maggiore probabilità di successo e potrebbero essere svolti più velocemente e ad un costo minore. Il passo successivo sarà quello di fare biopsie della ghiandola sottomandibolare di persone che vivono con la demenza con corpi di Lewy, per confermare questi risultati. ” Lo studio è stato pubblicato il 30 marzo 2016, sul Journal of Parkinson Disease.

aziende laboratorio italiane diagnostica biologia molecolare Esami ed analisi diagnostiche : elenco completo protocolli da laboratorio e metodiche acquista-online