Uno sguardo ai premi Nobel 2013 in Chimica e Medicina



Diamo uno sguardo ai premi Nobel 2013 nell’ambito della fisiologia/medicina e della chimica, di cui si è fatta meno notizia nei media divulgativi rispetto al premio per la fisica a François Englert e Peter Higgs per la scoperta del leggendario Bosone:

Fisiologia e Medicina

premio nobel medicina del 2013 vincitori

I vincitori del Nobel 2013 per la Medicina / Fisiologia

Il premio per la Medicina è stato assegnato congiuntamente a James E. Rothman, Randy W. Schekman e Thomas C. Südhof che ha risolto il mistero di come le cellule organizzano il loro sistema di trasporto .

Nel 1970, Schekman scoperto tre classi di geni che controllano le diverse sfaccettature del sistema di trasporto della cellula, fornendo nuove informazioni sul sistema molto complesso che media il trasporto delle vescicole all’interno della cellula . Rothman ha dipanato il meccanismo proteico che permette alle vescicole di fondersi con i loro target e di “autorizzare” il trasferimento di carico negli anni 1980 e ’90 , mentre Südhof ha rivelato quali sono i segnali chimici che obbligano le vescicole a rilasciare il loro carico con precisione.

Attraverso le loro scoperte , il trio ha rivelato con precisione il sistema di controllo  per il trasporto e la consegna di metaboliti nella cellula, il cui malfunzionamento può avere effetti deleteri e contribuire a condizioni come le malattie neurologiche, diabete e disordini immunologici .

Chimica

Nobel per la chimica 2013 - vincitori

I vincitori del Nobel 2013 per la Chimica

Martin Karplus , Michael Levitt e Arieh Warshal hanno condiviso il Premio Nobel per la Chimica per lo sviluppo di modelli multiscala per sistemi chimici complessi . Nel 1970, il trio ha gettato le basi per lo sviluppo di potenti modelli che sono usati per capire e prevedere i processi chimici – modelli informatici che rispecchiano la vita reale, diventati fondamentali per la maggior parte dei progressi chimici di oggi, gettando le basi per la moderna bioinformatica.

Il loro lavoro è stato innovativo in quanto sono riusciti ad affiancare la fisica classica con complessi modelli di fisica quantistica. In precedenza i chimici hanno dovuto usare o uno o l’altro senza interazione: i calcoli erano in precedenza relativamente semplici ma in grado di simulare le reazioni chimiche solo per piccole molecole, ma l’aumento della potenza di calcolo negli ultimi decenni ha permesso la modellizzazione di reazioni complesse del mondo biologico. Il trio ha preso il meglio da entrambi i mondi e messo a punto un metodo per utilizzare sia la fisica classica che quella quantistica .

“Oggi il computer è altrettanto importante strumento per i chimici come la provetta “, ha detto l’ Accademia Reale Svedese delle Scienze . ” Le simulazioni sono così realistiche che predicono l’esito di esperimenti tradizionali. “

aziende laboratorio italiane diagnostica biologia molecolare Esami ed analisi diagnostiche : elenco completo protocolli da laboratorio e metodiche acquista-online