ZIKA virus, testata nuova tecnica di inattivazione del virus nel plasma trasfusionale

ZIKA virus, testata nuova tecnica di inattivazione del virus nel plasma trasfusionale

04/04/2016 Off By LabIta

inattivazione virus zikaIl potenziale di trasmissione del virus Zika (ZIKA) attraverso la trasfusione di sangue è stato dimostrato durante l’epidemia della Polinesia francese con il fatto che il 2,8% dei donatori di sangue, che erano asintomatici al momento della donazione, sono stati trovati positivi per l’infezione acuta ZIKA.
Diversi processi sono stati sviluppati per l’inattivazione dei patogeni durante la preparazione di plasma fresco congelato (FFP) e delle piastrine (PLT) concentrati. Tra questi, un trattamento fotochimico utilizzando il psoralen, amotosalen, S-59, in combinazione con illuminazione ultravioletta A (UVA), è stato dimostrato essere in grado di inattivare un’ampia gamma di virus, batteri e protozoi.
zika-amotosalenUn team di scienziati che lavorano presso l’Institut Louis Malardé (Polinesia francese) ha raccolto le unità di plasma da donatori di sangue USA per eliminare il rischio di anticorpi ZIKV. Per valutare l’assenza di precedenti infezioni da Flavivirus noti in circolazione negli Stati Uniti, Dengue e West Nile (DENV e WNV), ogni unità di plasma è stato testato con una immunoglobulina dengue (Ig) kit di cattura G Biorad (Platelia) e un kit di WNV IgG classico della Abcam (Serion Elisa), per rilevare gli anticorpi IgG contro DENV e WNV, rispettivamente.

I 26 sieri di donatori di sangue francese polinesiano ZIKV-infetti e asintomatici sono stati ottenuti dal centro trasfusionale della Polinesia francese.
Quattro unità di plasma (A, B, C, e D) sono state inoculate con il virus ZIKV. Un campione da ciascuna unità di plasma infetto (campione pre-inattivazione) è stato quindi raccolto e conservato a -80 ° C fino alla determinazione di titoli virali e carichi di RNA. Le unità di Plasma A, B, e C sono stati trattati con amotosalen combinata con illuminazione UVA, considerando che il Plasma  dell’unità D non era inattivato ed era positivo al controllo positivo. formula-amotosalenDopo il trasferimento in un contenitore con un dispositivo di assorbimento composto che rimuove l’amotosalen residuo, i campioni provenienti da ciascuna unità di plasma inattivato (campioni inattivati) e dal controllo positivo (campione non-inattivato ) sono stati raccolti e conservati a -80 ° C fino alla determinazione dei titoli virali e carichi di RNA.
Per la rilevazione dei ZIKV replicativi, i campioni non inattivati ​​sono stati inoculati in triplicato su cellule VERO in piastre da 24 pozzetti e sono stati eseguiti cinque passaggi successivi. Dopo ogni passaggio, un test ad immunofluorescenza indiretta è stato eseguito per rilevare le cellule inoculate ZIKV, utilizzando anticorpi anti-flavivirus 4G2.
Gli autori hanno dunque concluso che l’amotosalen combinato con luce UVA è in grado di inattivare completamente il virus ZIKV nel plasma fresco congelato. Questo processo di inattivazione è di particolare interesse per prevenire la trasmissione per trasfusione di infezioni di Zika in aree dove diversi arbovirus sono in co-circolazione. Lo studio è stato pubblicato nel numero di gennaio 2016 della rivista Transfusion.